18.1 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

La multa a fin di bene. Ovvero quando il trasporto disabili di Torino è nelle mani degli automobilisti indisciplinati

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Mimmo Carretta e Maria Grazia Grippo

L’assessore ai Trasporti Maria Lapietra scarica il futuro del trasporto disabili nelle mani degli automobilisti indisciplinati.

Il Comune di Torino infatti ha deciso di intraprendere la strada del “più multe, più soldi, più servizi”, sostenendo parte dei costi destinati a questo delicato segmento di mobilità con entrate incerte e senza dubbio odiose. Forse pensano così di far digerire o peggio giustificare la campagna di contravvenzioni stradali lanciata di recente, certo questo approccio la dice lunga sulla sensibilità dell’amministrazione.

Dopo aver atteso una presa di posizione per mesi sul tema e visto lanciare dalla finestra il difficile lavoro svolto dalla giunta precedente, ci prepariamo a veder promuovere dalla sindaca la “multa a fin di bene”. Bocciati!

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano