17.5 C
Torino
sabato, 13 Agosto 2022

La cooperativa Di Vittorio celebra i 50 anni con l’evento: “Il legame che ci unisce”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La Cooperativa Edilizia “Giuseppe Di Vittorio” celebra i suoi primi cinquant’anni con l’evento “Il legame che ci unisce. Di casa in casa: 50 anni di Cooperativa Di Vittorio a Torino e in Piemonte”: una mostra, una rappresentazione teatrale e una tavola rotonda.

Massimo Rizzo, presidente della Cooperativa, è molto orgoglioso del traguardo. “Operiamo sul territorio torinese dal 1972 e siamo specializzati in edilizia convenzionata. I soci iniziarono a progettare i primi interventi per offrire risposte certe all’emergenza abitativa di quegli anni: una vera e propria edilizia operaia, che ancora oggi vuole dare un contributo concreto non solo alla composizione architettonica della città, ma soprattutto alla sua componente umana. Negli anni abbiamo aiutato molte famiglie a superare difficoltà: parliamo di più di cinquemila nuclei, quella fascia grigia di popolazione che ha un reddito troppo alto per accedere alle case popolari ma non riesce ad accedere alle abitazioni sul libero mercato, anche a causa del forte incremento dei costi delle utenze domestiche. Il modello Di Vittorio non si esaurisce nel dare un tetto e nel riscuotere un canone: siamo protagonisti nella creazione del tessuto urbano. La cooperativa segue le persone in tutte le loro necessità e dà vita a un processo di integrazione comunitaria e solidale, intrecciandosi con le trasformazioni economiche e sociali di Torino e della sua area metropolitana. Oggi lavoriamo sul social housing e sulle nuove formule abitative”.

La serata si svilupperà in tre momenti. Dalle 18:30 alle 20:15 la mostra fotografica, curata da Creostudios S.p.A., per raccontare le principali evoluzioni di Torino e provincia dal punto di vista della Cooperativa. Gli scatti di Michele D’Ottavio ne mostrano il ruolo nelle trasformazioni urbanistiche del capoluogo piemontese, del passaggio da città industriale a post-industriale, delle forti evoluzioni demografiche e delle Olimpiadi del 2006.

Alle 20:15, il racconto prosegue con la piéce teatrale “Queste non sono semplici chiavi” di Alessandro Tessitore, interprete insieme a Zahira Berrezouga, diretto da Mirella Violato, con le musiche dal vivo di Daniele Deluca.

Si proseguirà infine con una Tavola Rotonda, condotta da Marco Berry, che vede al centro uno studioso, prof. Filippo Barbera, Professore di sociologia dei percorsi economici e del lavoro presso l’Università di Torino, e alcuni grandi interpreti delle trasformazioni urbanistiche torinesi: Sergio Chiamparino, sindaco di Torino tra il 2001 e il 2011, e Massimo Rizzo, Presidente della Cooperativa. In occasione dell’evento verrà anche presentato il nuovo logo della Giuseppe Di Vittorio, dedicato ai cinquant’anni dalla sua fondazione.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano