11.9 C
Torino
domenica, 19 Maggio 2024

In consiglio comunale salta il numero legale sulla Metro 2

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Nuovamente una seduta del Consiglio comunale sospesa per mancanza del numero legale. E’ quanto accaduto durante la discussione degli atti relativi alla Metro 2 e in particolare alle richieste dei sindaci della zona nord di Torino che vogliono essere inseriti da subito nella progettazione della tratta. 

Al conteggio dei consiglieri presenti nell’aula virtuale del Consiglio si è infatti constatato che la maggioranza non aveva i numeri e si è dovuto sospendere la seduta. Assente sia la sindaca Chiara Appendino che alcuni consiglieri.

Come commenta il capogruppo del Partito Democratico Stefano Lo Russo: “Mentre tutto è ripartito nel Paese, la Città di Torino grillina è ancora ferma alla fase 1, in pieno lockdown. Scuse su scuse per nascondere in realtà un problema politico vero: i numeri risicati della maggioranza che non regge più l’aula. E oggi, per l’ennesima volta, il M5S non ha avuto il numero legale. Avevamo proposto di discutere e votare due atti relativi alla progettazione della Linea 2 della metro ed in particolare di andare incontro alle richieste di 22 sindaci della zona nord di Torino. Ci è stato impedito di discuterne. Solo che forse non avevano fatto bene i conti e si è verificato che non c’era la maggioranza”.

Per l’esponente Dem “La cosa davvero scandalosa è che i grillini il numero legale non riescono a tenerlo neanche stando comodamente sul loro divano di casa in teleconferenza. Che finisca solo questa agonia per Torino e che si possa far ripartire una città immobile”.

Sulla vicenda è intervenuto anche Francesco Tresso: “La verità é che ormai una maggioranza non c’é piú, Appendino ha tolto le mani dal volante e la città si é stoppata, come le sedute consiliari. La mia mozione, in cui chiedevo di avere il coraggio di pensare ad un grande piano per l’estate dei ragazzi torinesi nella fase post Covid (presentata ai primi di maggio) viene rimandata: la voteremo in autunno, sarà l’estate delle caldarroste”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano