21.6 C
Torino
sabato, 13 Luglio 2024

Il ministro Giannini: “Piemonte nella black list nel diritto al studio”. Poi corregge: “Avevo i dati del 2014”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il Piemonte tra le peggiori Regioni in quanto diritto al studio? Così la pensa il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, che durante il suo discorso alla cerimonia per l’inaugurazione dell’anno accademico del Politecnico di Torino, parla di black list per il Piemonte.
«Bisogna accrescere l’accesso al percorso universitario con una parola chiara: più diritto allo studio, senza la retorica del diritto allo studio che ha caratterizzato questi anni e che ha portato la Regione Piemonte a essere nella black list per il non adempimento dell’assegnazione delle borse di studio». Ma a quanto pare i dati che hanno ispirato la Giannini sono “vecchi”.
Ci pensa Monica Cerutti, assessore regionale per il Diritto allo Studio, a fornire quelli più recenti dopo l’intervento della Giannini. Così il ministro è costretta al passo indietro: «Tolgo la maglia nera che ho messo alla Regione Piemonte: i dati a cui mi riferivo si fermavano al 2014, ma in un solo anno di amministrazione di Sergio Chiamparino la posizione è decisamente cambiata, passando dal 52% all’85% nell’assegnazione delle risorse per le borse di studio universitario», ha corretto il tiro Stefania Giannini.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano