20.6 C
Torino
martedì, 23 Luglio 2024

Gli Avvocati di Torino non ci stanno. “Non è vero che senza di noi il Tribunale è più efficiente”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Gli avvocati di Torino non ci stanno. “Non è vero che senza di noi è il Tribunale è più efficiente”, sostengono dopo l’articolo pubblicato, oggi, 14 giugno, sul quotidiano La Stampa, in cui veniva intervistato Massimo Terzi, presidente del Tribunale di Torino.

“Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Torino non può che manifestare il proprio dissenso di fronte al titolo impiegato ‘Senza avvocati il Tribunale è più efficiente'”, dicono dall’ordine.

Aggiungono: “L’avvocato fa parte della Giurisdizione come il Giudice. Nel contenuto dell’articolo ci si riferisce chiaramente non alla figura dell’avvocato come coprotagonista del processo, ma a ciò che è avvenuto in questo periodo di lockdown con la possibilità da parte degli avvocati di sostituire agli accessi fisici nelle cancellerie penali la concordata digitalizzazione delle richieste e delle risposte da parte delle cancellerie”.

Secondo l’Ordine “in questi mesi il lavoro degli avvocati, sia in cancelleria che nelle aule di udienza, è stato drammaticamente ridotto e non è rispetto a questo parametro che può misurarsi l’aumentata efficienza degli uffici amministrativi, indotti ad uno smart working che non può, purtroppo, sostituire il lavoro in presenza per le note ragioni di mancata apertura da remoto degli applicativi, limitazione – questa sì – da superare da parte delle istituzioni chiamate a farlo”.

“Il Consiglio è certamente pronto a cogliere i frutti positivi di questo drammatico periodo – proseguono – auspicando che anche il Legislatore riesca finalmente a digitalizzare il processo penale razionalizzando l’uso del tempo da parte degli avvocati, ancora costretti a fare code davanti alle cancellerie per avere un “depositato”, sistema oramai intollerabile proprio per il rispetto del tempo degli avvocati e di chi riceve questi atti”.

“Fino a quel momento, come certamente il Presidente avrà sottinteso, nessuna limitazione di accesso agli uffici potrà essere concordata”.

“Quanto alla invocata riduzione del periodo di sospensione feriale dal 1° al 31 agosto, il Consiglio si è già espresso con il comunicato dell’8 giugno 2020 indirizzato al Ministero che potrà intervenire sulla disposizione regolatrice. Gli avvocati sono disponibili a lavorare anche in quel mese, pur di far ripartire la macchina della Giustizia e a non accumulare altro arretrato”, concludono gli avvocati torinesi

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano