25 C
Torino
mercoledì, 24 Luglio 2024

Geovalsusa, chieste 19 condanne per i No Tav. Posizione del giornalista testimone al vaglio dalla Procura

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Sono diciannove le condanne chieste dal pubblico ministero Manuela Pedrotta per i No Tav che il 24 agosto 2012 avrebbero partecipato ad una manifestazione alla Geovalsusa, uno studio che si occupa dei lavori per l’alta velocità in Val di Susa, in corso Trapani 39 a Torino.
Il pm di Torino ha chiesto pene comprese trai due anni e due mesi e un anno e quattro mesi di reclusione.
Gli attivisti sono accusati di violazione di domicilio, violenza privata, danneggiamento e resistenza pubblico ufficiale. Tra le 19 accuse anche l’accesso abusivo al sistema informatico. Secondo la Procura infatti qualcuno, durante la manifestazione No Tav, installò in un computer della Geovalsusa un software per “controllo remoto” dei pc dell’azienda.
[ot-video][/ot-video]
 
La Pedrotta inoltre ha chiesto la trasmissione degli atti in Procura per un giornalista che nel suo articolo scrisse che non c’erano state minacce ai dipendenti o danni all’azienda. Il cronista, Davide Falcioni, chiamato a testimoniare durante il processo, parlò di manifestazione «svolta in un clima serena». In aula tra il pm e il giornalista invece il clima durante la testimonianza fu tutt’altro che sereno, tanto che Pedrotta avvisò il teste che rischiava di essere indagato. Ora la Procura vaglierà la posizione di Falcioni.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano