5.9 C
Torino
sabato, 6 Marzo 2021

Emergenza Coronavirus, Sermig accoglie 200 senza tetto

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Sono circa 200 i senza tetto che dall’inizio dell’emergenza Covid 19 sono ospitati a Torino in Borgo Dora, all’Arsenale della Pace, sede principale del Sermig, il movimento fondato nel 1964 da Ernesto Olivero, gia’ candidato al premio Nobel per la Pace. Una realta’ oggi diffusa in tutto il mondo, con 3420 progetti di sviluppo nei 5 continenti, e con altre due sedi a San Paolo del Brasile e in Giordania. I 200 ospiti sono gli utenti abituali dei servizi che l’Arsenale offre ogni giorno, dalla mensa agli ambulatori medici ai servizi di accompagnamento educativo e psicologico al rifugio notturno.

“Da quando il diffondersi dell’epidemia ci ha costretti ad un isolamento preventivo – dicono i responsabili della Fraternita’ della Speranza, un gruppo di famiglie, giovani e sacerdoti che vivono stabilmente nella struttura che un tempo era l’arsenale militare di Torino – l’Arsenale si e’ svuotato di tutte le attivita’ di volontariato, di tutti i servizi educativi e formativi. Subito ci siamo detti pero’ che non potevamo chiudere la casa a donne e uomini che non hanno dove vivere: donne maltrattate, mamme con bambini, giovani scappati dalla guerra, uomini senza casa, anziani che si sono affidati a noi e non hanno altra famiglia che questa e abbiamo scelto di tenere aperte tutte queste accoglienze”.

Gli ospiti, che rimangono dentro la struttura 24 ore su 24 rispettando il “lockout”, sono divisi in piccoli gruppi e in spazi ben delimitati. Le giornate sono scandite da attivita’ e da proposte per trascorrere le ore senza farsi travolgere dalla noia. La condivisione della vita con un gruppo cosi’ numeroso ha reso necessario proteggere tutti il piu’ possibile, utilizzando tutti i presidi sanitari consigliati, essere attenti all’igiene e sanificare con cura tutti gli spazi abitati. Un impegno molto gravoso sia dal punto di vista umano che economico. Molto impegnativo e’ anche un altro servizio attivato in questi giorni, quello della distribuzione alimentare di emergenza per le persone che vivono nel quartiere, spesso anziane e sole o comunque in difficolta’ economiche.

“La richiesta e’ molto grande – dicono al Sermig – e richiede davvero tante risorse”.

Da qui l’appello: serve soprattutto un sostegno economico, ma anche materiali: cibo a lunga conservazione, prodotti per l’igiene personale e degli ambienti e materiali per neonati, prodotti per la sanificazione. Sul sito dell’Arsenale (www.sermig.org) tutte le informazioni per dare una mano.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano