13.8 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

Donat-Cattin, il leader della “sinistra sociale”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Giorgio Merlo

25 anni fa, per l’esattezza il 17 marzo 1991, ci lasciava Carlo Donat-Cattin. Uno statista, un leader politico, un giornalista di razza e un uomo di cultura. Nonché un coraggioso sindacalista. La personalità e il magistero politico di Donat-Cattin, comunque sia, sono destinati ancora a segnare in profondità la politica contemporanea. E questo per la semplice ragione che attraverso la sua azione politica e culturale ha contribuito a delineare un “pensiero” che non può essere sacrificato sull’altare di nessun nuovismo o maldestra modernità. Certo, i tempi mutano e le stagioni politiche si susseguono rapidamente. Ma una esperienza politica come quella vissuta da Donat-Cattin nel cuore della società e delle sue contraddizioni, continua a far discutere, ad alimentare curiosità e, soprattutto, ad ispirare la concreta militanza di molti cattolici democratici e popolari. E non solo.
Sono almeno 3 i tratti costitutivi che possono essere tranquillamente richiamati oggi, a 25 anni dalla sua scomparsa.
Innanzitutto Donat-Cattin è stato un vero leader politico e uno statista. Caratteristiche che vengono riconosciuti non solo dagli amici ma anche e soprattutto dagli avversari che individuano nel “Ministro dei Lavoratori” un vero e proprio “cavallo di razza” della vecchia Democrazia Cristiana. Un leader che aveva il coraggio di sfidare, come sindacalista, sul terreno dei contenuti la famiglia Agnelli a Torino e un dirigente politico che con una corrente – la sinistra sociale di Forze Nuove – che contava poco piu’ del 6/7 per cento condizionava la strategia e l’azione del più grande partito italiano, la Dc. Celebre la sua battuta al riguardo, sempre sferzante ed efficace, che “il carisma o c’e’ o non c’è. E’ inutile darselo per decreto”.
Era una battuta riferita a uno dei tanti segretari della Dc che non riscontrava il suo gradimento… Ma la leadership di Donat-Cattin non fu un prodotto da laboratorio o legata alla sola politica spettacolo che dura, normalmente, sino a quando il volano interessato della propaganda mediatica ti sostiene.
La sua era una leadership maturata sul campo. Per questo viene ricordata con forza e convinzione. In secondo luogo, Donat-Cattin è sempre stato un uomo “di sinistra”. Certo, la vulgata lo ricorda anche come l’uomo del “preambolo”, l’ormai celebre documento politico da lui direttamente scritto che nello storico congresso del 1980 sbarrò la strada al governo ai comunisti del tempo.
Ma la sinistra di Donat-Cattin – “sinistra sociale”, appunto – era legata sempre alla reale e non virtuale promozione dei ceti popolari. Era una sinistra che partiva dalle esigenze e dai bisogni dei ceti meno abbienti e che cercava, attraverso gli strumenti concreti della politica e del Governo, di rimuovere quegli ostacoli che bloccavano al palo intere fasce sociali. Su questo versante non si può non ricordare uno dei capolavori della storia democratica della Repubblica italiana, quello Statuto dei Lavoratori del 1970 che rappresenta uno dei pilastri fondamentali del riformismo democratico e della vera e non finta cultura progressista e di sinistra nel nostro paese. E la sua corrente, Forze Nuove, ha rappresentato, del resto, nella cinquantennale storia della Democrazia Cristiana un “unicum” inimitabile ed irripetibile. E cioè una “sinistra sociale” con valenza politica e capacita’ progettuale che univa la rappresentanza dei ceti popolari con una raffinata e qualificata elaborazione politica ed istituzionale. Un “capolavoro” politico. Destinato a restare nella storia del riformismo cattolico.
E Donat-Cattin, in ultimo, era anche e soprattutto un cattolico impegnato in politica.
Quando la politica era “servizio verso gli altri ” e ricerca del “bene comune”. Uno di quei cattolici che, come i grandi cattolici democratici della Costituente, sapevano essere leader politici ma, al contempo, anche punti di riferimento per la stessa comunità ecclesiale e interlocutori del vasto ed articolato associazionismo cattolico italiano. La sorgente spirituale ed incessante dell’ispirazione cristiana ha sempre accompagnato la sua intensa e profonda elaborazione politica, culturale ed istituzionale.
Una appartenenza reale al mondo cattolico – frutto e prodotto di una generazione che dopo aver combattuto nella Resistenza è approdata al sindacato e poi alla politica – che, però, si è sempre distinta per la sua autonomia laicale e una forte assunzione di responsabilità. Una posizione improntata ad una forte e marcata laicità dell’azione politica che l’ha sempre tenuto lontano da ogni tentazione clericale o deriva confessionale. Altroché i “cattolici professionisti” o i “baciapile a contratto”, tanto per citare una celebre definizione di Mino Martinazzoli che oggi imperversano in quasi tutti gli schieramenti politici. Una generazione di cattolici di cui, oggi, purtroppo, si sente una forte mancanza. A prescindere dal susseguirsi delle stagioni politiche e delle fasi storiche.
Ecco perché chi, come me, ha avuto la possibilità e la fortuna di essere “educato” alla politica da uomini come Carlo Donat-Cattin dall’inizio degli anni ’80, sente anche quotidianamente il limite e l’insufficienza della propria militanza politica e culturale.
Ma con la consapevolezza, comunque, di aver potuto conoscere e sperimentare la grandezza di uomini – come Carlo Donat-Cattin, appunto – che hanno saputo testimoniare nella società e nella politica valori e principi con la forza disarmante delle idee, della coerenza, del coraggio e della fedeltà alle proprie radici.
Anche quando questo significava solitudine, isolamento ed impopolarità.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano