19.4 C
Torino
sabato, 20 Luglio 2024

Dalle curve alle piazze: 6 giugno tutti a Roma. Ma gli ultras: “Chi si presenta non ci rappresenta”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Sono molti i gruppi ultras che affermano che con la manifestazione del 6 giugno, indetta dopo un tam tam sui social, al Circo Massimo, non c’entrano nulla.

Le sigle che hanno organizzato la manifestazione sono “I ragazzi d’Italia” e “Dalle curve alle piazze”, “Brigata Leonessa” (ultras Brescia), a cui avrebbero aderito “Lealtà Azione”, “Fortezza Europa”, “Fronte Veneto Skinheads”, “Avanguardia e Rivolta Nazionale”

Ma dopo il no della curva dell’Atalanta anche i napoletani rispediscono al mittente l’invito, che pare, fino ad ora raccolto solo da una parte della curva laziale.

Mentre quelli del Pordenone aggiungono: “In accordo con il movimento nazionale del tifo organizzato “Basta Abusi”, intendiamo comunicare la nostra non adesione alla manifestazione del 6 giugno pubblicizzata come “i ragazzi d’Italia” e strumentalmente attribuita agli Ultras d’Italia: vogliamo rivendicare la storica apoliticità, fatta di impegno concreto e sociale nel territorio, che distingue il movimento ultras pordenonese da anni”.“

“Chi si presenta non ci rappresenta. Liberi di tifare”. Recita così uno striscione appeso dai tifosi del Napoli, a firma “Curva B” con il quale i supporters azzurri hanno preso posizione contro la manifestazione del 6 giugno a Roma.

Dicono gli organizzatori:

“Con la scusa della pandemia ci hanno arrestato e chiuso in casa per settimane – si legge sulla pagina Dalle Curve alle piazze -. Ci hanno rincoglionito con media, TV e Barbara D’Urso. Ci dicevano “Andrà tutto bene” non è andato bene nulla.  Ci hanno tolto la libertà,  ci hanno affamato, ci hanno messo in ginocchio! Solo menzogne e prese per i fondelli. Zero euro a famiglie e lavoratori.  Nessuno ha visto la cassa integrazione. Spariti i buoni pasto e gli aiuti ai più poveri. Abbandonate le categorie,  le imprese, i disoccupati, i precari, le mamme e le periferie. Ci hanno messo prima le catene ed ora pure la museruola (la mascherina). Mentre gli italiani non arrivano a fine mese, non mangiano, non hanno futuro loro si dividono il bottino.  (Miliardi di euro a Benetton, Fiat e Alitalia). E’ giunto il momento di ribellarsi. Innalza il tricolore, grida Italia libera, lotta per la giustizia sociale! I Ragazzi d’Italia. Stiamo arrivando”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano