13.3 C
Torino
giovedì, 30 Maggio 2024

“Bye Bye Neve”: Extiction Rebellion contro i Mondiali di Sci al Sestriere

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Nuova protesta di Extinction Rebellion alla Coppa del Mondo di Sci, a Sestriere. Al termine della prima manche del mondiale femminile le “Red Rebel”, vestite di rosso, hanno attraversato il villaggio degli sponsor e arrivate all’entrata della pista, hanno srotolato uno striscione con scritto “Bye bye neve, la crisi climatica è già qui”.
“Il rosso simboleggia il pericolo, la passione, il sangue di tutte le specie viventi e degli essere umani, che ci unisce e ci rende una cosa sola in questo tempo di crisi” spiega Bianca, una delle figuranti. E aggiunge “Le Red Rebel sono figure eteree, sovrannaturali che illuminano l’invisibile e invitano le persone a entrare in una bolla di calma e silenzio. Le Red Rebel sono la calma e la forza nella tempesta”.

“La Coppa del Mondo di Sci Alpino, prima di approdare a Sestriere, ha visto l’annullamento di una gara dopo l’altra” spiegano gli attivisti climatici che precisano: “In quei giorni, infatti, l’assenza di neve e la pioggia sopra i 3000 metri hanno costretto gli organizzatori ad annullare le gare. Le temperature altissime di questo autunno stanno rivelando le contraddizioni di manifestazioni sciistiche “senza senso e contro ogni logica ambientale”, nelle parole dell’argento olimpico francese Johan Clarey. Eppure, molti luoghi montani che in inverno vivevano grazie al turismo legato agli sport invernali, sono oggi sempre più in sofferenza di fronte a precipitazioni nevose assenti e a costi insostenibili per l’innevamento artificiale.

Un episodio dopo l’altro che ci ricorda come la crisi ecoclimatica stia impattando sempre più pesantemente su tutto il territorio italiano, sule catene alpine e, di conseguenza, su tutti gli impianti sciistici”.

“Quello che stiamo vivendo non è un anno anomalo” afferma Annalisa, professoressa di scienze e attivista di Extinction Rebellion. “Chi studia il clima e le montagne sa che le temperature continueranno ad aumentare, la neve sarà sempre meno e le condizioni per l’innevamento artificiale sempre meno frequenti. Continuare ad investire, come sta facendo la Regione Piemonte, per mantenere e sviluppare attività energivore ed economicamente insostenibili è ideologico, miope e in contrasto con ciò che sta chiedendo la comunità scientifica” conclude Annalisa.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano