3.8 C
Torino
mercoledì, 25 Novembre 2020

Asilo, scarcerati gli arrestati per gli scontri. 300 gli identificati per il corteo non autorizzato

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Torino, 15 novembre studenti assediano le banche

Torino: studenti in piazza in assedio alle banche. Tensione con la polizia che accenna ad una carica. © RIPRODUZIONE RISERVATA
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Sono trecento le persone identificate per il corteo non autorizzato di sabato scorso, degenerato in disordini a Torino. Una manifestazione autoconvocata che ha portato in piazza più di mille persone, contro lo sgombero dell’Asilo di via Alessandria, occupato da oltre vent’anni da anarchici. Le responsabilità dei trecento, che non apparterebbero solo all’area libertaria, verranno ora valutate dalla Digos, che sta visionando il materiale fotografico e video.

Intanto sono state scarcerate le undici persone arrestate durante gli scontri. Per loro il gip ha disposto come misura cautelare l’obbligo di firma: ogni giorno dovranno presentarsi in caserma.

Escono dal carcere perché praticamente erano tutti incensurati. Agli undici vengono contestati i reati di devastazione e saccheggio, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, lancio di ordigni esplosivi e blocco stradale in concorso.

Una nuova protesta è prevista per oggi. Alle 13 gli anarchici si sono dati appuntamento in via Garibaldi all’angolo con via Milano, a pochi metri da Palazzo di Città. Pentole e coperchi per un “presidio rumoroso contro la sindaca-sceriffa”, come è stata ribattezzata Chiara Appendino dopo lo sgombero dell’Asilo, uno dei tanti eseguiti sotto l’amministrazione pentastellata.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Cirio: “Dal 4 dicembre negozi aperti per lo shopping natalizio”

Aspetta solo il semaforo arancione per riaprire le attività commerciali Alberto Cirio che vede il suo Piemonte sempre più fuori dalla zona...

Piemonte guida la battaglia contro i colossi dell’e-commerce

Una proposta di legge per aumentare le aliquote della web tax per i colossi dell'e-commerce: 15 per cento abitualmente e fino al...

Blitz anarchico contro le sedi di Stampa e Repubblica

Petardi, fumogeni e lanci di uova contro la palazzina di via Lugaro che ospita le redazioni di La Stampa e quella torinese...

Puntare al cuore. La Circoscrizione 1, Centro-Crocetta

La Circoscrizione 1 Centro Crocetta è conosciuta come quella più elegante e più ricca: ma se si toglie la carta velina della...

Ztl, sospensione prorogata fino al 5 dicembre a Torino

Nuova proroga per il provvedimento di sospensione della ZTL Centrale fino a sabato 5 dicembre 2020 (compreso).La decisione segue l'adozione da parte della...