14.8 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

Aiuti alle famiglie a basso reddito, Passoni stringe l’accordo con Cgil Cisl e Uil

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Moreno D’Angleo

Blocco aumenti tariffe Irpef 2016, esenzione addizionale Irpef a 11.670 euro e conferma di una serie di misure di agevolazione. Dopo una lunga negoziazione è stato raggiunto l’accordo tra Cgil, Cisl e Uil e l’assessorato al Bilancio del Comune di Torino. Si tratta di misure a tutela della fascia di popolazione con redditi vicini a quelli di povertà.
Nel dettaglio vi è stata la conferma delle agevolazioni già convenute nel 2015 con l’impegno, in fase di assestamento del bilancio, ad apportare un ulteriore riduzione del 5% sulle tre fasce Isee più basse (fino a 13mila euro) portandole ai livelli del 2014. Anche i livelli di queste fasce sono stati messi in discussione e, proprio per ridiscuterne, è stato aperto un tavolo negoziale tra le parti.
Inoltre le difficoltà di bilancio non hanno impedito la conferma della restituzione di parte dell’importo pagato per la Tasi nella misura pari almeno a quella del 2015 (un milione di euro) attraverso il fondo di sostegno di famiglie di lavoratori e pensionati.
Per il blocco delle tariffe egli impegni concordati a favore dei redditi più bassi il sindacato ha manifestato la sua soddisfazione. Questo in tempi non facili per le riduzioni di risorse derivanti, per lo più, dai tagli ai trasferimenti statali.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano