7.4 C
Torino
domenica, 19 Maggio 2024

A rischio AxTO: il Milleproroghe rinvia i fondi per le periferie

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Congelati i soldi destinati alle periferie. Anche quelli che servivano a Torino e al progetto Axto. Il Decreto Legge Milleproroghe del governo M5s-Lega ha infatti rinviato tutti i 2,1 miliardi che erano stati stanziati dal quelli targati Renzi, Gentiloni e centrosinistra per le periferie.
Un piano per cui ben 120 Comuni e Città metropolitane hanno ricevuto fondi e che ora dovranno aspettare due anni prima di poterli utilizzare. Tradotto: il più grande investimento mai visto in Italia dedicato alle periferie rischia di restare solo un’idea.
Infatti con l’approvazione del Milleproroghe la maggioranza giallo-verde ha disposto che l’efficacia di tutte le 120 convenzioni sia “differita all’anno 2020”.
E ora i Comuni, compreso Torino, che aveva già presentato il progetto Axto, dovranno “rimodulare gli impegni di spesa e i connessi pagamenti”.
Il progetto del capoluogo piemontese, presentato nel 2016, prevede circa 235 interventi nelle aree periferiche, per una spesa di 41.008.262 euro di cui 20.358.582 confinanziati tra pubblico e privato e 17.990.966 che dovevano arrivare direttamente da Roma.
Tra gli obiettivi di AxTO la riqualificazioni delle case popolari, delle strade, strutture come scuole, ma anche parchi e impianti sportivi.
Torino per il suo progetto si è classificata ottava su 120 Comuni, ottenendo quindi dal governo i circa 18 milioni per la realizzazione di 44 interventi. AxTO, che si conclude il 31 dicembre 2019, è organizzato in cinque assi strategici: Spazio pubblico, Casa, Lavoro e Commercio, Scuola e Cultura, Comunità e Partecipazione.
Erano inoltre stati assegnati fondi a 19 soggetti, tra associazioni e cooperative, su proposta degli assessori Marco Giusta e Francesca Leon, come “contributi per progetti innovativi in ambito sociale e culturale finalizzati alla rigenerazione urbana di aree periferiche”. A questo proposito era stato indetto un bando lo scorso settembre con contributi fino a 50 mila euro e da 50 mila euro a 100 mila euro.
Una notizia che è passata sotto traccia, ma che preoccupa non poco i sindaci delle città coinvolte. I primi cittadini sono sul piede di guerra, anche perché in molti Comuni, come Torino appunto, sono già stati impegnati centinaia di migliaia di euro e adesso il rischio del danno erariale è dietro l’angolo.
Intanto a Palazzo di Città c’è molto fermento intorno alla vicenda: il primo inciampo per la torinese Laura Castelli, la viceministra M5S all’Economia che si è occupata del Milleproroghe, potrebbe costare caro, anche se c’è chi, degli addetti ai lavori –  che in queste ore stanno cercando di capire cosa sta accadendo – sostiene che Torino non rischierebbe visto che il decreto riguarderebbe la seconda tranche di pagamento e che essendo 24esima nell’elenco dei Comuni beneficiari del programma si salverebbe comunque una parte, ovvero la prima tranche di finanziamento.
Il presidente dell’Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro si dice preoccupato per la «sospensione delle convenzioni del Bando periferie, atti già firmati dalla Presidenza del Consiglio e dagli enti interessati. Valuteremo insieme ai sindaci i passi successivi da compiere per far chiarezza, anche alla luce degli oneri sostenuti per la progettazione e per l’avvio di alcune delle opere previste. Si tratta di una misura importantissima che 96 Comuni capoluogo e alcune Città metropolitane attendono di attuare con le gare».
 






 
 
foto di Chris Koos 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano