25.2 C
Torino
martedì, 23 Luglio 2024

Salone del Libro a Milano: Chiamparino non si arrende e rilancia per un nuovo progetto per Torino

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Moreno D’Angelo

«Ci serve un progetto forte che possa aprire un nuovo ciclo trentennale del Salone. Ho già parlato con Bray».

Lo sconcerto per la decisione di portare il Salone del Libro a Milano, non tocca il presidente della Regione Piemonte. L’uomo delle storiche Olimpiadi di Torino non demorde di fronte alla perdita per la città di una prestigiosa e consolidata manifestazione culturale di taglio internazionale e rilancia dopo la presa di posizione del Consiglio Generale dell’ Associazione Italliana Editori.

Chiamparino esprime la necessità di lanciare un nuovo progetto per la diffusione e la promozione della lettura di taglio altamente innovativo e di livello nazionale, aperto a tutti i principali capoluoghi, che vede Torino come capofila. Un progetto “forte” per la diffusione e promozione della lettura  tutto da elaborare che – precisa Chiamparino – non potrà fare leva sulle divisioni interne all’Aie e che non intende portare al rischio di avere quelli che definisce come “due saloncini”.

Intanto c’è attesa per il confronto in programma venerdì con l’assemblea della Fondazione. Insomma si potrebbe davvero concretizzare una nuova identità  di Salone per Torino ma la questione e le sue linee guida sono ancora tutte da definire. «Il futuro dipende da quello che sapremo organizzare» conclude con pragmatismo e ottimismo Sergio Chiamparino.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano