14.5 C
Torino
lunedì, 2 Agosto 2021

“Prima i piemontesi”, dalla Regione punteggio più alti ai residenti nell’assegnazione delle case popolari

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Si intitola “Prima i piemontesi” ed è la nuova norma prevista dalla Regione per l’assegnazione delle case popolari, inserita nel regolamento della nuova legge regionale sulla casa, che sarà approvata a breve. Come suggerisce il nome stesso il provvedimento consentirà ai cittadini piemontesi di poter usufruire di un punteggio più elevato in graduatoria nell’assegnazione delle case Atc. Punteggi che varieranno a seconda degli anni di residenza in Piemonte: 15, 20 o 25. 

Una novità che la Regione Piemonte ritiene necessaria per “mettere fine a una serie di situazioni non equilibrate che si sono verificate in passato. Non un provvedimento discriminatorio, quindi, ma un’iniziativa che rende giustizia a migliaia di famiglie che, in questi anni, si sono viste ‘scavalcare’ subendo, loro sì, gravi ingiustizie e soprattutto disagi”.

“Nella nuova legge – aggiunge l’assessore al Welfare Chiara Caucino– abbiamo ritenuto giusto privilegiare i residenti in Piemonte da lunga data che hanno certamente contribuito a sostenere la comunità alla quale appartengono. Allo stesso tempo abbiamo voluto venire incontro a madri e padri che vivono soli con figli minori a carico”, conclude riferendosi al criterio di premialità per nuclei familiari con un solo genitore con minori a carico. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano