16.2 C
Torino
mercoledì, 27 Maggio 2020

Orti urbani di Mirafiori nel mirino dei vandali

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Marzio Dinamo
Marzio Dinamo
Esperto di comunicazione, grafica e marketing. Con passione per giornalismo, inchieste, cronaca e politica

In questi giorni a Torino, nella circoscrizione 2 in zona Mirafiori sud sono stati presi di mira dai vandali gli orti urbani. Ecco che i proprietari si sono trovati difronte, cancelli aperti, recinzioni divelte e persino un capanno dato alle fiamme; il tutto in strada del castello di Mirafiori.
«Probabile che qualcuno abbia approfittato dei divieti per fare razzia e dare fuoco ai capannoni degli orti urbani», segnala Alessandro Nucera, vicepresidente della circoscrizione Due. È singolare che vi siano stati quattro casi correlati in una settimana. Le autorità intanto sono state avvisate con un esposto dello stesso Nucera.
Alcuni cittadini hanno alcuni sospetti in merito: molti pensano che ciò si verifica perché all’interno della circoscrizione Due, vi sono parecchi camper di rom che girano indisturbati da parecchi anni, facendo degli insediamenti abusivi.
Ricordano a tal proposito il mega campo rom in prossimità del cimitero parco, che a quanto sembra fu sgomberato, parzialmente dieci giorni fa. Lo sgombero secondo questi cittadini li porta in giro per la circoscrizione. Chiaramente questo è solo un sospetto.
Al di là di chi sia stato, questi sono i rischi della quarantena. Luoghi che per forza di cose rimangono isolati in preda di chiunque malintenzionato.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Piemonte, obbligo di mascherina anche all’aperto per il ponte del 2 giugno

Obbligo di mascherina anche all'aperto nei giorni del ponte del 2 giugno, in Piemonte, come ha spiegato ai microfoni della trasmissione 'Centocittà'...

Il rettore del Politecnico Guido Saracco: “Riaprite le scuole”

Il rettore del Politecnico di Torino, Guido Saracco, primo ospite degli Avio Aero Talk, appuntamenti virtuali organizzati dall'azienda per i propri lavoratori, spiega...

Ma qualcuno si degna di controllare il cantiere del complesso universitario Aldo Moro?

Osservando da vicino il cantiere del complesso edilizio Aldo Moro, dove sta sorgendo il cosiddetto campus urbano dell'Università di Torino, non si...

Un anno di Giunta Cirio, Grimaldi (LUV): “Sotto gli annunci niente”

“Dopo il primo anno di governo della Regione, il Presidente Cirio annuncia che rifarebbe tutto nello stesso modo. Cioè niente! Abbiamo vissuto...

Sardine triste, solitario y final

Hanno bussato le porte di chiunque, scendendo in piazza con la qualunque. Un solo obiettivo: come avviene solo durante le dittature, contestare...