24.9 C
Torino
sabato, 13 Luglio 2024

L’occupazione della caserma di via Asti per il pm è “un fatto tenue”. Chiesto il “non luogo a procedere” per gli indagati

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

L’occupazione a Torino dell’ex caserma La Marmora, in via Asti, portata avanti per sette mesi nel 2015, fu un fatto di particolare tenuità: questa è la tesi del pubblico ministero Roberto Sparagna, che ha chiesto il “non luogo a procedere” per i sei indagati, attivisti dell’associazione Terra del Fuoco tra cui il presidente Olivero Alotto.
Il 22 aprile 2015 un gruppo di persone entrò nella ex caserma, chiusa da anni e in stato di abbandono, per scongiurare “il rischio – venne spiegato – di una speculazione edilizia” e per chiedere progetti destinati al disagio abitativo.
Le forze dell’ordine sgomberarono i locali, dove nel frattempo erano arrivati dei rom allontanati dai campi nomadi abusivi della città, il 12 novembre successivo. Gli indagati, nell’interrogatorio, spiegarono che l’obiettivo era salvaguardare il carattere storico e sociale dell’ex caserma, che nel corso della seconda guerra mondiale era diventata una caserma della Rsi e un “luogo di detenzione e di tortura” per gli antifascisti.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano