7.7 C
Torino
sabato, 25 Maggio 2024

L’arbitro Rizzoli difende Bonucci: “Non mi ha dato una testata: sono io che l’ho spinto”. Poi su Higuain “Reazione da seconda categoria”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

L’arbitro Rizzoli difende Bonucci: “Non mi ha dato una testata: sono io che l’ho spinto”.
Proprio il giorno in cui il giudice sportivo “massacra” gli azzurri del Napoli con una pioggia di provvedimenti disciplinari, l’arbitro Nicola Rizzoli ritorna sul contestato episodio di Torino-Juventus, al centro di accese polemiche: «Bonucci non mi ha dato nessuna testata. Sono stato io a spingerlo, per allontanarlo dal giudice di linea», ha spiegato.
«Il giocatore ha semplicemente esagerato nelle proteste. Non c’è stata testa contro testa, le immagini non danno il senso vero di quel che è successo. Ci fosse stata la testata, non mi sarei limitato al cartellino giallo», conclude Rizzoli.

Alle domande sul caso Higuain, paragonato da molti alla reazione di Bonucci, Rizzoli ha detto: «Non entro nel merito dell’episodio – ha detto – e faccio un discorso più ampio sui gesti violenti di molti giocatori. Ho visto un video di violenza inaudita di un calciatore di seconda categoria che, appena espulso, ha rifilato un calcione all’arbitro. Chi gioca in A deve sempre tenere conto che costituisce un esempio per chi sta alla base della piramide»

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano