25.7 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Lapo Elkann “schiaffeggia” il Dottor Christian Jessen: “Quando parli dell’Italia alzati in piedi”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Lapo Elkann risponde duramente e direttamente all’interessato via Twitter: il dottor Christian Jessen. Già, il medico inglese volto noto anche in Italia per trasmissioni televisive come “Malattie imbarazzanti”.

Jessen ne ha sparata una grossa, affermando in un’intervista che gli italiani starebbero usando la scusa del Coronavirus per fare una lunga siesta.

«Queste parole potrebbero sembrare un po razziste e dovrete scusarmi, ma non pensate che il Coronavirus sia un po’ una scusa? Gli italiani usano delle scuse per chiudere tutto e smettere di lavorare di lavorare per un po’, per avere una lunga siesta», ha dichiarato Jessen.

A replicare ci pensa, come detto, Lapo Elkann: «Dottor @DottorChristian Gli italiani usano il virus come scusa? Prima di tutto calmati e quando parli dell’Italia alzati in piedi e mostra rispetto ai tuoi colleghi italiani che sul campo combattono ogni giorno».

Sempre via Twitter Lapo ha fatto i complimenti al cugino Andrea Agnelli, che ieri ha lanciato una raccolta fondi per il sistema sanitario piemontese, alle prese con la guerra contro il coronavirus. «In un momento così delicato, vogliamo scendere in campo per dare il nostro contributo. Juventus -ha scritto ieri il club- vuole fare la sua parte, con gesti concreti. I giocatori della Prima Squadra e le Juventus Women hanno deciso di lanciare una raccolta fondi a sostegno della Regione Piemonte per l’acquisto di dispositivi medici e per il supporto alle strutture sanitarie e al personale medico, in prima fila, giorno e notte, in queste settimane».

“Grande Andrea. Iniziativa bellissima.Gli ospedali e tutti gli eroi che ci lavorano sono da sostenere”, ha twittato Elkann.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano