24.3 C
Torino
mercoledì, 17 Luglio 2024

Crollano le prenotazioni per colpa del Coronavirus. Federalberghi Torino: “Slittare la Tari non basta”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

L’emergenza Coronavirus sta mettendo in ginocchio il turismo a Torino.  I dati previsionali raccolti da Federalberghi Torino per il mese di marzo evidenziano un crollo delle prenotazioni con un tasso di occupazione delle camere che si ferma al 25% nell’area urbana e al 15% in provincia.

Numeri ancora più impietosi se messi a confronto con i dati dello stesso periodo dell’anno scorso quando l’occupazione in Torino e provincia si attestava sul 60-65%. L’Associazione registra una perdita di circa 1 milione di euro al giorno e chiede agli enti locali la sospensione totale dei tributi e al governo misure urgenti di sostegno diretto alle imprese come la cassa integrazione in deroga per i dipendenti e contributi a fondo perduto per sopperire ai mancati incassi.

«I dati che abbiamo raccolto sono preoccupanti e confermano purtroppo tutti i nostri timori, il Piemonte e Torino, pur non essendo sede di focolai epidemici attivi, stanno subendo effetti simili a quelli di Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna con perdite di fatturato stimabili in 1 milione di euro al giorno – dichiara Fabio Borio, presidente di Federalberghi Torino – ringraziamo il Comune e la Regione che si stanno impegnando al massimo per contenere questa emergenza e siamo grati per le prime misure adottate dall’amministrazione cittadina per quanto riguarda la Tari ma lo slittamento delle rate dei tributi locali come la Tari non è sufficiente a compensare le enormi perdite che le imprese turistico-ricettive stanno subendo, occorrono stanziamenti coraggiosi e immediati a sostegno diretto delle imprese».

Le misure di contenimento del contagio, il blocco delle gite scolastiche, il taglio dei voli verso la città operato dalle principali compagnie aeree, la cancellazione e la continua posticipazione di fiere ed eventi sportivi, uniti al generale senso di panico avvertito in Italia e all’estero avranno pesanti effetti anche sui prossimi mesi, sono a rischio le prenotazioni per il weekend di Pasqua, i ponti primaverili e anche per il periodo estivo.

«Il comparto turistico-ricettivo rischia di attraversare un lungo periodo di crisi con la prospettiva di uscirne soltanto fra molti mesi e di tornare ai livelli pre-emergenza solo a partire dal prossimo anno, anche qualora l’emergenza sanitaria dovesse rientrare in tempi brevi – prosegue Borio – ci troviamo di fronte a un’emergenza senza precedenti che richiede misure straordinarie per tutelare il tessuto economico della nostra provincia. I mancati incassi di queste e delle prossime settimane non consentiranno di fare fronte al pagamento delle imposte neanche rinviandone i termini ai prossimi mesi, per questo chiediamo una sospensione totale unita a forme di compensazione che garantiscano alle imprese di respirare fino al termine della crisi. In assenza di misure di questo tipo molte strutture saranno costrette a chiudere e, purtroppo, a lasciare a casa i propri dipendenti».

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano