16.7 C
Torino
martedì, 22 Settembre 2020

Carretto contro il Pd: “A Torino è il nostro nemico”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

In tre anni in Sala Rossa non ha mai nascosto di non apprezzare il Partito Democratico. E ora che anche l’alleanza di governo è fatta il consigliere pentastellato Damiano Carretto non cambia idea: “Alleanza col Pd anche a TORINO? No grazie” scrive in un post su Instagram in cui non nega di essere stato favorevole all’asse giallo-rosso di Roma: “Dopo 14 mesi di governo con Lega la ritenevo l’unica strada percorribile per arginare la deriva antidemocratica di Salvini“.

Questo non significa che ritenga possibili alleanze locali col Partito Democratico. In questi tre anni di mandato – spiega Carretto – si sono palesate visioni di città totalmente diverse tra Pd e M5S accomunati solo dal contrasto alle folli politiche leghiste“. Il consigliere del Movimento 5 Stelle motiva il perchè del suo rifiuto a una possibile alleanza: “Le cose peggiori della nostra amministrazione – dice – sono state portate avanti nella continuità con le politiche del Pd e sono stati errori che stiamo pagando con la perdita del sostegno da parte della base del Movimento e dei movimenti che ci hanno spinto alla guida della Città“. “Per questi motivi – conclude – mi sento di non sostenere alcuna alleanza futura col Pd torinese e invito tutti a evitare di prospettare situazioni imbarazzanti per il Movimento. La destra e il Partito Democratico a Torino sono il nemico“.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...

I Cinque Stelle dalla parte di Appendino: “Continuiamo a sostenerla”

Se la maggioranza pentastellata ha vissuto momenti di crisi e ha dubitato della propria sindaca non è di certo oggi. Anzi la...

Ream, Lo Russo e Carretta: “Giudizio politico negativo non cambia, serve guardare a futuro”

Il Partito Democratico commenta la sentenza del processo Ream che condanna Chiara Appendino a sei mesi per falso in atto pubblico. Commenti...

Processo Ream, Appendino condannata per falso in atto pubblico

La sindaca Chiara Appendino è stata condannata per falso in atto pubblico relativo al bilancio 2016 nell'ambito dell'inchiesta che la vedeva imputata...

Ream, la sentenza per Appendino alle 15 ad urne chiuse

La sentenza del processo Ream che vede tra gli imputati Chiara Appendino, il suo ex capo di gabinetto, Paolo Giordana, e l’assessore...