3.9 C
Torino
mercoledì, 2 Dicembre 2020

Carretto contro il Pd: “A Torino è il nostro nemico”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Torino, 15 novembre studenti assediano le banche

Torino: studenti in piazza in assedio alle banche. Tensione con la polizia che accenna ad una carica. © RIPRODUZIONE RISERVATA
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

In tre anni in Sala Rossa non ha mai nascosto di non apprezzare il Partito Democratico. E ora che anche l’alleanza di governo è fatta il consigliere pentastellato Damiano Carretto non cambia idea: “Alleanza col Pd anche a TORINO? No grazie” scrive in un post su Instagram in cui non nega di essere stato favorevole all’asse giallo-rosso di Roma: “Dopo 14 mesi di governo con Lega la ritenevo l’unica strada percorribile per arginare la deriva antidemocratica di Salvini“.

Questo non significa che ritenga possibili alleanze locali col Partito Democratico. In questi tre anni di mandato – spiega Carretto – si sono palesate visioni di città totalmente diverse tra Pd e M5S accomunati solo dal contrasto alle folli politiche leghiste“. Il consigliere del Movimento 5 Stelle motiva il perchè del suo rifiuto a una possibile alleanza: “Le cose peggiori della nostra amministrazione – dice – sono state portate avanti nella continuità con le politiche del Pd e sono stati errori che stiamo pagando con la perdita del sostegno da parte della base del Movimento e dei movimenti che ci hanno spinto alla guida della Città“. “Per questi motivi – conclude – mi sento di non sostenere alcuna alleanza futura col Pd torinese e invito tutti a evitare di prospettare situazioni imbarazzanti per il Movimento. La destra e il Partito Democratico a Torino sono il nemico“.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Covid, 64 decessi in Piemonte. Calano i ricoveri

Sono 64 i decessi di persone positive al test del Covid-19 registrati oggi in Piemonte. Questo il dato comunicato nel pomeriggio dall'Unita'...

‘Gli sguardi sul MOI’: noir e foto giornalismo raccontano la più grande occupazione d’Europa

Il 30 luglio del 2019 con lo sgombero dell'ultima palazzina terminava l'occupazione dell'ex MOI a Torino, quella che è stata definita la...

Federica Scanderebech passa a Forza Italia: “Torno a casa”

Una foto di lei bambina mentre partecipava ad un evento vicino a Silvio Berlusconi. Con questa voto che mostra sui social e...

Toni Algerini, ex Berloni Torino, batte il Covid: “Al Mauriziano non mollano mai”

"E' un virus subdolo e terribile, se ha messo in ginocchio persino me che sono un gigante". Ricoverato all'ospedale Mauriziano di Torino...

Folla nei negozi, più controlli e misure severe contro gli assembramenti

La folla che ieri si è riversata nel centro di Torino al primo giorno di apertura dei negozi del Piemonte in zona...