Impazza la fantapolitica a Torino. Nonostante manchino ancora due anni alla fine del mandato della sindaca Chiara Appendino si guarda già al 2021. E complice l’alleanza romana tra Movimento 5 stelle e Partito Democratico c’è chi sostiene che quelli che fino a ieri erano cane e gatto in Sala Rossa potrebbero in realtà diventare amici, anzi alleati.

Un’ipotesi, appunto, che però circola più nel mondo della fantapolitica che in quello della politica reale visto che esponenti di entrambi gli schieramenti hanno chiuso le porte alla possibilità di un avvicinamento locale.

A tale proposito la capogruppo del Movimento Cinque Stelle in Sala Rossa Valentina Sganga è categorica e smentisce le voci che la volevano a favore di un accordo con il Pd: «Non apro a nessuna alleanza con il Pd per Torino e mi spiace che qualcuno nel M5S possa pensare il contrario» spiega non nascondendo anche qualche riserva nei confronti del governo romano che aspetta al varco delle prime misure concrete: «Penso che il governo Conte 2 fosse una risposta necessaria a una situazione d’emergenza che si era venuta a creare per colpa di Salvini e della sua irresponsabilità. Prima di sostenere questo modello per il futuro però è necessario che il nuovo esecutivo dia delle risposte ai problemi dei cittadini, quindi il nostro è un sostegno critico e attento ai temi e alle proposte».