Bocche cucite il giorno prima dell’udienza preliminare per i fatti di piazza San Carlo. La sindaca Chiara Appendino ha evitato qualsiasi tipo di domande sulla vicenda. Anzi. Ha evitato proprio i giornalisti pronti a raccogliere qualche dichiarazione.

La prima cittadina e altri 14 indagati sono chiamati a presentarsi davanti al gup Maria Francesca Abenavoli, nell’aula bunker del carcere Lorusso-Cotugno dove verrà deciso dal giudice delle udienza preliminare se rinviarli a giudizio con l’accusa di omicidio, lesioni e disastro colposi, formulata dai pm Antonio Rinaudo e Vincenzo Pacileo, per i fatti di piazza san Carlo del 3 giugno 2017 durante la proiezione della finale di Champions League tra Juventus e Rela Madrid.

Domani però chi è ormai certo che non ci sarà nell’ aula bunker è Chiara Appendino. Da palazzo danno infatti per certa la sua assenza giustificata dal fatto che essendo le fasi iniziali del processo non c’è obbligo di esserci. Sicuramente però non mancheranno le polemiche su questa decisione.