Domenica 26 maggio il Torino chiuderà il proprio campionato di Serie A in casa contro la Lazio.

La partita tra granata e biancocelesti, fino a qualche settimana fa sarebbe potuta essere un crocevia di fondamentale importanza per l’Europa (entrambe sono state in lizza anche per il quarto posto in classifica, piazzamento valido per un posto in Champions, salvo poi vedersi costrette a ripiegare sull’Europa League per via dei propri risultati e quelli delle concorrenti) ma le cose sono molto cambiate negli ultimi giorni. 7

Per coloro i quali fossero interessati a puntare sulla gara di domenica 26 maggio tra Torino e Lazio potrebbe essere interessante consultare anche le promo scommesse Eurobet, inerenti la partita dello “Stadio Olimpico Grande Torino”. Consultando le quote a disposizione degli scommettitori nella sezione calcio, si evince come il favore dei pronostici per i bookmakers propenda verso il Torino, probabilmente per via del fattore casa e delle scarse motivazioni dei romani: l’1 della squadra di Walter Mazzarri viene offerto a 2,30. Il successo della Lazio, invece, viene bancato a 2,90 mentre il pari è quotato a 3,55. Secondo i bookies potrebbe essere una gara con diversi goal: over 2,5 quotato a 1,50, mentre l’under 2,5 viene offerto a 2,40. Una tesi confermata anche dalle quote relative alla possibilità che entrambe le squadre segnino: il goal-goal in Torino-Lazio viene pagato a 1,45 ed è dunque molto più probabile rispetto al no-goal offerto a 2,55.

La formazione piemontese, infatti, pur avendo due punti di vantaggio sulla Lazio in classifica, non può più aspirare alla qualificazione in Europa proprio perché i biancocelesti hanno vinto la finale di Coppa Italia contro l’Atalanta. Sollevando la settima coppa nazionale della propria storia (un traguardo che le consente di eguagliare l’Inter e di portarsi dietro a Juventus e Roma, primatiste con 13 e 9 vittorie) la Lazio si è infatti assicurata la qualificazione alla fase a gironi della prossima UEFA Europa League, facendo evaporare la possibilità di arrivare in Europa tramite il settimo posto.

Oltre alla vittoria della Coppa Italia da parte dei biancocelesti, tuttavia, va segnalato anche che la formazione di Mazzarri nell’ultimo turno di campionato si è lasciata totalmente travolgere dall’Empoli. Allo stadio Castellani la formazione toscana, in piena bagarre per non retrocedere e alla disperata ricerca di punti salvezza, è riuscita ad imporsi con un rotondissimo 4-1 che ha di fatto posto fine a ogni sogno europeo della squadra granata. Così per il club di Cairo si profila un’altra annata anonima, questa volta però con il rimpianto derivante dal sapere che sarebbe bastato un piccolo sforzo in più per poter centrare quell’Europa che manca ormai dalla stagione 2014-2015, quando in panchina c’era ancora Gian Piero Ventura.

Qualche rimpianto anche per la Lazio che avrebbe potuto ambire a posizioni più nobili ma che alla fine dei conti ha pur sempre centrato un trofeo stagionale e la qualificazione all’Europa League, un torneo che al momento sembra essere più nelle corde dei biancocelesti rispetto alla Champions League, autentico sogno da ormai 11 stagioni.