Svelata l’immagine ufficiale della trentasettesima edizione del Torino Film Festival, che si terrà dal 22 al 30 novembre.

L’immagine è un omaggio all’iconica attrice britannica Barbara Steele, che con i suoi occhi grandi, la sua figura sinuosa e i suoi tratti aguzzi, è stata la protagonista di indimenticabili pellicole horror anni 60/70 come “Amanti d’oltretomba”, diretto da Mario Caiano (1965), da cui è tratta la foto.

Proprio Steele sarà ospite del festival, riceverà il Gran Premio Torino 2019 e introdurrà la proiezione dei film dei quali è protagonista: “Il pozzo e il pendolo” di Roger Corman, “La maschera del demonio” di Mario Bava e “L’orribile segreto del dottor Hichcock” di Riccardo Freda.

Dal suggestivo titolo “Si può fare!” – così esclama il Dottor Frederick Von Frankenstein di fronte agli appunti del nonno sulla possibilità di dare nuova vita ai morti – la retrospettiva è un omaggio al cinema horror dagli anni Venti agli anni Settanta, dall’espressionismo tedesco di Robert Wiene nel film muto “Il gabinetto del dottor Caligari” fino a “La notte dei morti viventi” di George Romero, padre fondatore del New Horror. Una selezione di 35 film che hanno dato corpo e volto a paure ed emozioni attraverso personaggi fantastici come lupi mannari, pupazzi parlanti, bambole assassine, scienziati pazzi e donne senza volto.

La rassegna dei film, curata dal direttore del TFF Emanuela Martini, vede un collegamento ideale con la mostra del Museo Nazionale del Cinema “FacceEmozioni: dalla fisiognomica agli emoji“, aperta il 17 luglio e in corso fino al 6 gennaio.