di Andrea Doi

La Procura di Torino ha chiesto l’archiviazione del fascicolo aperto su Mario Virano per l’accusa di omissione di atti d’ufficio. Il direttore generale di Telt, la società incaricata di realizzare la linea ad alta velocità, era stato denunciato, ai tempi in cui era presidente dell’Osservatorio sulla Torino-Lione, per non avere presentato dei documenti ad amministratore locale della Val di Susa.
Il valsusino a settembre di quest’anno aveva chiesto l’avocazione del fascicolo, visto i tempi lunghi dell’indagine.
Il procedimento contro Virano per omissione di atti di ufficio era stato aperto dalla Procura di Roma e il pm aveva chiesto il rinvio a giudizio. All’udienza preliminare si decise di trasmettere il fascicolo a Torino, nel marzo 2014. Ora la richiesta della Procura torinese di archiviazione in quanto Virano non avrebbe commesso nessun reato, accogliendo la tesi della difesa del direttore generale di Telt secondi cui i documenti arrivarono al richiedente, ma che per una parte di questi di furono dei ritardi puramente burocratici.