Vuoi bere qualcosa Pedro, bevi qualcosa Pedro” chi non si ricorda della geniale parodia del trio Lopez, Marchesini, Solenghi, che giocavano sulle allora seguitissime telenovelas che negli annni ’80 sbarcarono in Italia sulle tv private, tenendo incollate intere famiglie.

A queste deve aver pensato il capogruppo del Partito Democratico in consiglio comunale a Torino, Stefano Lo Russo, dopo aver appreso che il comandante Emiliano Bezzon, ha ritirato le sue dimissioni, che aveva dato una decina di giorni fa, sull’onda delle polemiche dei monopattini elettrici.

Ecco: Lo russo parla proprio di telenovela arrivata alla 273esima puntata. Quella che coinvolge la micromobilità.

«Nell’infinita pantomima dei monopattini a Torino, che sembra sempre di più una telenovela anni ’80, apprendiamo del ritiro delle dimissioni del comandante Bezzon rassegnate dopo la questione delle multe comminate ai conduttori dei monopattini» commenta Lo Russo «Per carità di patria e amore dell’Istituzione non vogliamo commentare oltre ma saremmo curiosi davero di capire cosa sia successo dopo le dichiarazioni del Movimento Cinque Stelle che aveva definito in Aula il comportamento del Comandante “miope e incompetente” ribadendo che “dopo le sue dichiarazioni stampa era impraticabile la prosecuzione di un rapporto fiduciario con la Sindaca».

«Evidentemente» continua Lo Russo «per ragioni a noi ignote, per i grillini il Comandante ha riacquistato improvvisamente la vista, ha seguito un corso di aggiornamento e Appendino si fida di nuovo. Resta da capire cosa farà il buon Assessore Finardi che aveva ridato le deleghe ad Appendino per protesta. Per quello è pronta la puntata 274».

«Speriamo davvero» conclude il capogruppo Dem «che al termine di questa nefasta esperienza grillina si possa ridare un pò di dignità e di orgoglio all’Istituzione Città di Torino così duramente provata e che ha rimediato in questi oltre tre anni a guida Appendino una figuraccia dietro l’altra».