Continua il botta e risposta s distanza tra il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini e il procuratore capo di Torino Armando Spataro. Infatti dopo che quest’ultimo aveva bacchettato il leader della Lega per un tweet a operazione ancora in corso che rischiava di vanificare l’inchiesta sulla mafia nigeriana. La risposta di Salvini non si è fatta attendere commentando sulla pensione ormai prossima di Spataro.

«Che ci dobbiamo fare? È quello che ormai ci riserva il Paese» ha chiosato il procuratore capo in un’intervista a La Stampa. «Non è tanto lo sfottò nei miei confronti, di quello non mi curo, ci rido sopra. Ma è il fatto che avere certi atteggiamenti paga. E questa è la cosa che più preoccupa» prosegue Spataro che ritornando sull’inchiesta in questione conclude: «Ci sono delle regole, e andrebbero rispettate. Tutto ormai fa spettacolo».