Smat a sostegno di Earthlink Festival, la rassegna torinese dedicata all’arte e al teatro eco-sostenibili, dimostrando ancora una volta particolare attenzione verso le iniziative culturali in linea con la difesa dell’ambiente.

Attraverso la diffusione dei valori legati alla tutela del pianeta e della sostenibilità ambientale, il Festival rappresenta per Smat un’opportunità nella promozione di pratiche e comportamenti responsabili nell’utilizzo della risorsa.

Usare per esempio acqua a km zero contribuisce a ridurre il consumo di plastica e quindi a salvaguardare e proteggere l’ambiente in cui abitiamo. Tra le azioni intraprese da SMAT, particolarmente significativa per la riduzione dell’impatto ambientale, è l’installazione sul territorio dell’area metropolitana torinese dei Punti Acqua, moderne fontanelle tecnologiche che erogano acqua di rete, naturale e gasata, buona e di qualità.

Sono trascorsi dieci anni dall’installazione del primo Punto Acqua ad opera di Smat e oggi se ne contano 182, a dimostrazione del gradimento da parte dei cittadini. Solo nel 2018 le Casette dell’Acqua hanno erogato complessivamente 48.776.000 litri d’acqua, equivalenti a 32.517.333 bottiglie di plastica da un litro e mezzo. Da settembre, per aiutare maggiormente l’ambiente, verrà introdotto un nuovo metodo di pagamento attraverso il bancomat e la creazione di un borsellino virtuale di 5 euro. Oltre a rappresentare un servizio in più per il cittadino, l’eliminazione delle attuali tessere di prelievo dell’acqua realizzate in materiale non riciclabile rappresenterà un’ulteriore azione di tutela dell’ambiente.

È inoltre in via di sviluppo un progetto didattico per le scuole che prevede il ritiro delle tessere in circolazione e la loro trasformazione da parte degli alunni coinvolti in oggetti di utilità quotidiana.

Nei tre giorni del Festival, la campagna di valorizzazione dell’acqua di rete sarà ospitata all’interno di uno Smat Point presso l’Housing Giulia di via Cigna.