Valentina Sganga, capogruppo in Sala Rossa del Movimento 5 Stelle, ribadisce l’unità dei 22 consiglieri rimasti dopo l’uscita di Aldo Curatella, passato al gruppo misto. «La maggioranza è solida e il sostegno a Chiara Appendino e alla giunta non mancherà da qui alla fine del mandato. Questo è il primo elemento da sottolineare in questo momento, ma bisogna anche fare chiarezza su alcuni aspetti. Il Movimento 5 Stelle è sempre lo stesso. Siamo la casa di tutti i cittadini che vogliono cambiare il Paese e chi non condivide alcune posizioni ha tutto lo spazio per affermarlo all’interno».

Sganga, parlando a nome del gruppo consiliare, non nasconde come la decisione di Curatella sia un fulmine a ciel sereno sul Movimento: «Siamo stupiti della decisione di Curatella. Nonostante abbia più volte assunto posizioni contrarie all’azione della giunta e del governo è sempre stato parte del gruppo e, come tutti, ascoltato. Le sue uscite, anche quando hanno messo in difficoltà la Maggioranza e la stessa Giunta, non sono mai state oggetto di segnalazioni o richieste di espulsione».

Sganga commenta la decisione di passare al Gruppo Misto anziché dimettersi: «Curatella dice di non sentirsi più parte del Movimento e questo è legittimo, anche se non condivisibile, ma come lui ha sempre fatto con tutti quelli che lo hanno preceduto in questo passo, dobbiamo ricordargli che ha firmato un impegno etico prima dell’elezione, il quale prevede che la strada per lasciare il M5S sia quella delle dimissioni da consigliere. Nel rispetto, innanzitutto, dei cittadini che hanno creduto in noi e nel nostro progetto di cambiamento. Al momento sembra intenzionato a passare al gruppo misto di minoranza, una scelta incoerente rispetto a quanto ha sempre sostenuto finora e che lascia davvero basiti».