E’ già stata depositata la richiesta del capogruppo della Lega Fabrizio Ricca per delle comunicazioni in aula su quanto accaduto ieri sera tra manifestanti dei collettivi antifascisti e polizia, in occasione della presenza a Torino del leader di CasaPound Simone Di Stefano. «Purtroppo per Torino e per i torinesi ieri sera le cose sono andate come avevamo previsto. Il fascismo degli antifascisti ha tenuto in ostaggio l’intero centro cittadino scontrandosi con la polizia per impedire un comizio di CasaPound. I delinquenti dei centri sociali non si sono limitati a slogan e blocchi stradali ma hanno bersagliato le forze dell’ordine con bombe carta riempite di pezzi di metallo che scoppiando sono diventati veri e propri proiettili che hanno feriti 6 poliziotti a cui va tutta la nostra massima solidarietà. Per questi fatti chiederemo lunedì comunicazioni in consiglio comunale» ha annunciato Ricca.

Il capogruppo della Lega si è detto poi preoccupato del rapporto tra la maggioranza pentastellata e i centri sociali: «Sui social alcuni consiglieri di maggioranza giustificavano il fascismo degli antifascisti. Alcuni di essi sono gli stessi che hanno permesso di far sedere al tavolo di discussione delle questioni abitative i militanti di Gabrio e Askatasuna che si sono presentati in commissione come esponenti dei collettivi Prendocasa e Sportello casa. È incredibile permettere che questi individui che la sera nascosti dal buio e con volti coperti colpiscono il cuore della nostra città mettendola a fiamme e fuoco, come se nulla fosse, di giorno vengono accolte a braccia aperte a Palazzo di città».