Fabio Versaci, consigliere comunale di Torino del Movimento Cinque Stelle e già presidente del consiglio in Sala Rossa, interviene su quanto accaduto ieri sera, quando sono scoppiati dei tafferugli tra le forze dell’ordine e i manifestanti del “Critical Mass”.

I fatti: durante la pedalata serale i ciclisti hanno raggiunto l’incrocio tra corso Vittorio Emanuele II e corso Re Umberto I. La tensione sarebbe salita quando i ciclisti hanno deciso di bloccare il traffico, una consuetudine durante le loro iniziative. A questo punto la polizia è intervenuta, secondo i manifestanti, colpendo alcuni dei loro. Da qui gli incidenti. Tra i ciclisti, secondo la polizia, ci sarebbero stati anche dei militanti dei centri sociali torinesi e gli anarchici dell’Asilo sgomberato a febbraio. Quindici le persone identificate dopo gli incidenti, quattro quelle denunciate. Tra queste un militante dell’Asilo.

Valentina Sganga, capogruppo M5s, aveva commentato nella serata di ieri: «Quanto accaduto nel corso della manifestazione del critical mass è sconcertante. Proviamo estrema preoccupazione per tutti quei cittadini che, intenti a pedalare in gruppo per incentivare l’uso della bicicletta e rendere la mobilità urbana più sostenibile, si sono trovati in un’escalation di tensione e violenza – continuava Sganga – La repressione ingiustificata che abbiamo visto questa sera non può che rendere doverosa una profonda riflessione sulla gestione dell’ordine pubblico attualmente presente nella città di Torino».

Oggi, come detto, è l’ex presidente del consiglio comunale ad intervenire sulla vicenda: «Mai mi sognerei di spiegare alle forze dell’ordine come si gestisce l’ordine pubblico. Però sono un amministratore di questa città e se vedo scene come quelle di ieri sera non posso rimanere in silenzio».

Aggiunge Versaci: «La critical mass è una forma di protesta pacifica che al massimo può creare qualche piccolo disagio. Del resto, tutte le proteste creano disturbo sennò a cosa servirebbero? Anche i no ztl lunedì sera hanno protestato bloccando il traffico in via Milano dove passa la linea 4, una delle più utilizzate in Città.

«Tutte le proteste e le rivendicazioni, giuste o sbagliate, condivisibili o meno, creano disturbo. Sempre – continua l’esponente pentastellato – Le forze dell’ordine vanno ringraziate quando fanno bene il loro lavoro e criticate quando sbagliano. Non sarò mai uno di quelli che dicono: “le forze dell’ordine fanno tutte schifo” però gli amministratori che difendono a prescindere per bon ton istituzionale sbagliano».

«Purtroppo in questo Paese molto spesso quando si parla di azioni delle forze dell’ordine ci si schiera con posizioni nette e partigiane, senza valutare i singoli casi con un’opinione il più possibile oggettiva. Ecco, credo sia giusto dirlo: ieri le forze dell’ordine hanno sbagliato a intervenire in quel modo, è la mia opinione certo, ma spero possa essere da spunto per un ragionamento in tal senso. Mi permetto di dire la critical mass deve continuare a esserci, sono uno che usa ma bici come unico mezzo di trasporto dal 2009 quindi vi prego non mollate», conclude Versaci.