Resta in carcere Roberto Rosso, l’ex assessore del Piemonte ed ex consigliere comunale a Torino arrestato il 20 dicembre con l’accusa di voto di scambio politico-mafioso.
Commenta legale di Rosso, Giorgio Piazzese, dopo la conferma della decisione del Tribunale del Riesame. «Rispetto ma non condivido la decisione del Tribunale del Riesame di conferma della custodia in carcere. Non sussiste alcuna esigenza cautelare perché non vi è agli atti alcun elemento che dimostri un collegamento né in allora né tantomeno oggi con la criminalità organizzata. In trent’anni di attività politica Roberto Rosso non ha mai avuto nulla a che fare con la criminalità organizzata. La tesi della procura è che Rosso sia ricattabile in quanto non avrebbe confessato. Rosso ha reso interrogatorio in cui ha ricostruito tutti i passaggi della vicenda e ha collaborato con i Pubblici Ministeri. Non può certo confessare un reato che ha la consapevolezza di non aver commesso».

«Rosso era totalmente ignaro del fatto che gli altri indagati potessero essere collegabili alla criminalità – continua Piazzese – e se lo avesse anche soltanto immaginato, avrebbe certamente evitato qualsiasi rapporto con loro. Aspetto di leggere le motivazioni che il collegio si è riservato di depositare per valutare l’eventualità di un ricorso in cassazione».