Stessa ora, stessa piazza, diverso angolo. La manifestazione contro l’amministrazione Appendino, in programma per sabato 10 novembre, resta confermata in piazza Castello. Ma non più dal lato della Prefettura, bensì di fronte alla sede della Regione Piemonte.

Lo deciso questa mattina il tavolo di lavoro del Comitato provinciale Ordine e Sicurezza che si è svolto questa mattina in Prefettura e a cui ha preso parte anche la sindaca Chiara Appendino.

I problemi rispetto all’evento di sabato, lanciato nelle scorse settimane sui social e dal gruppo Facebook “Si, Torino va avanti” erano sorti dopo che il luogo scelto per il ritrovo era stato transennato per avviare i lavori di montaggio delle casette dei mercatini di Natale.

Una pura coincidenza visto che l’amministrazione comunale aveva fatto domanda per i lavori già a settembre, ben prima che si sapesse della manifestazione. Tuttavia qualcuno ieri aveva avuto il timore che la manifestazione, che sta raccogliendo molte adesioni da sigle e partiti oltre che da singoli cittadini, avrebbe potuto non svolgersi. Oggi invece la conferma che chi vorrà gridare il suo Si alla Tav e il suo No alla attuale amministrazione comunale potrà comunque farlo in piazza Castello, ma dal lato della Regione Piemonte.