Paolo Furia, segretario del Partito Democratico del Piemonte, con una nota ha voluto ringraziare i consiglieri regionali che ha Palazzo Lascaris si sono opposti duramente all’approvazione del referendum sulla legge elettorale.

«Ci tengo ad esprimere la gratitudine del Partito democratico piemontese tutto nei confronti dei consiglieri regionali del Pd e delle altre opposizioni, che si sono battuti strenuamente per 31 ore consecutive contro il tentativo della Lega di disporre del Consiglio regionale a proprio uso e consumo. Purtroppo, alla fine, i numeri non hanno consentito di fermare la forzatura leghista».

«La Regione Piemonte, ora, figura tra quelle che chiedono un nuovo referendum sulla legge elettorale nazionale. La Lega vanta rapporti diretti con i cittadini contro la “politica dei palazzi”, però, anziché raccogliersi le firme con i banchetti e tra le persone ha, deciso invece di sfruttare le proprie posizioni di forza in quei tanto odiati palazzi. Non c’è fine alla propaganda e alla spregiudicatezza leghista», conclude Furia.