Come era prevedibile i cosiddetti ribelli dei Cinque Stelle rientrano nei ranghi. Almeno per questa volta. “Duri e puri”, fino ad un certo punto.
Damiano Carretto, Daniela Albano, Viviana Ferrero e Marina Pollicino sono tra i banchi della maggioranza: presenti questa volta, per dare una mano alla sindaca. Il contrario di quello che avevano fatto lunedì, quando all’ordine del giorno c’era la mozione sulle Olimpiadi 2026 a Torino.

Questa volta non hanno fatto saltare il numero. In gioco c’è la realizzazione di un supermercato. In corso Brunelleschi, sul “terreno dei conigli”. C’è il rischio di creare imbarazzo e un  danno all’erario.
Nessun commento sull’assenza del giorno prima. Gli stracci sono già volati durante le riunioni. Prima e dopo. Più infuocate delle chat grillini.

La sindaca Chiara Appendino non risparmia verso i suoi, a favore di giornalisti e camera, sorrisi e scambio di battute.
Bisogna apparire compatti, sereni, presenti!

Tranne a fine seduta. I ribelli sono tornati tali, disertando la riunione di maggioranza. Praticamente separati in casa.