Udienza preliminare per i fatti di piazza San Carlo. Nell’aula bunker del carcere delle Vallette Lorusso-Cotugno compariranno davanti al Gup, Maria Francesca Abenavoli, i quindici indagati per il ferimento di 1500 persone e la morte di Erika Pioletti durante la proiezione della finale di Champions League Juventus-Real Madrid il 3 giugno 2017. Si dovrà decidere se procedere o meno, accettando quindi la richiesta di rinvio a giudizio dei pm Antonio Rinaudo e Vincenzo Pacileo contro la sindaca Chiara Appendino, l’ex questore di Torino Angelo Sanna, l’ex capo di Gabinetto della sindaca Paolo Giordana, funzionari e dirigenti di Comune e Turismo Torino sui quali pesa l’accusa di omicidio, lesioni e disastro colposo.
Ma se le luci dei riflettori si sono accese su quelle che potrebbero diventare imputati di questo procedimento, non ci si può dimenticare delle vittime di quella maledetta sera. Una di queste è Samantha Gaudio, rappresentata, assieme ad altri feriti del 3 giugno, dall’avvocato Federico Depetris.
Per Samantha quella sera che doveva essere di festa è un incubo anche oggi. Quando risponde alle nostre domande la voce è rotta dall’emozione del ricordo.

Cosa si ricorda di quel 3 giugno 2017?

Quella sera ero in piazza San Carlo, all’altezza della scritta “Martini” per intenderci, a vedere la finale col mio fidanzato. Sinceramente non so dire cosa sia successo: mi ricordo solo di aver sentito due boati, sembravano spari. La gente urlava e sembrava un attentato terroristico, girava la voce di un camion sulla folla. Ma è stata tutta una frazione di secondi in realtà: mi sono voltata, guardo il mio ragazzo che mi urla “Corri, corri”, per farvi capire quanto sia stato veloce il tutto, appena mi sono voltata per scappare siamo stati travolti dalla folla. Una questione di secondi, tutti caduti uno sopra l’altro, io ero sotto a decine di altri corpi che continuavano a cadere, dimenarsi, il mio fidanzato si è divincolato e non lo vedevo, non mi sentivo più la gamba sinistra perchè era schiacciata dalle persone e, dopo qualche minuto, il ragazzo con altri hanno iniziato a rialzare i feriti e anche me.

E dopo cosa è successo?

Per fortuna riuscivo a muovermi. Ci ha raggiunto mio padre e ci ha portato immediatamente all’ospedale, tutti i prontosoccorso erano intasati, decine di feriti ovunque, gente che piangeva, sangue. A me hanno riscontrato un trauma di schiacciamento alla coscia sinistra e distorsione caviglia. Il mio piede sinistro è rovinato, praticamente.

Ma questi sono solo i danni fisici…

Per mesi non siamo riusciti a stare in posti troppo chiusi o nei posti affollati come pullman, cinema, ecc. Non volevamo nemmeno più mettere piede in centro a Torino. Può sembrare incredibile, ma non lo è. Con calma la situazione sta migliorando, dopo tutto questo tempo, e sono stata più fortunata di altri.

Immagino che oggi la rabbia sia tanta. Con chi?

Sono arrabbiatissima col Comune, eravamo letteralmente chiusi in una gabbia. O, comunque, con gli organizzatori. C’era vetro ovunque, feriti, geste schiacciata. Durante la partita, finchè non succede nulla, uno non ci fa tanto caso, anche perchè si fida degli organizzatori, ma subito dopo il disastro, era ben chiaro che anche se i problemi possono succedere, non si era pronti a nulla.

Lei ha scelto di affrontare il Processo per i danni subiti. Cosa spera che emerga dal processo?

La cosa principale è una: che nei prossimi eventi le cose vengano organizzate meglio. Oggi è successo a noi e ad altre centinaia di persone, ma non deve più capitare. Oggi ho un piede distrutto e ho vissuto mesi con l’ansia, non si può minimizzare tutto questo e non trovare dei colpevoli. Ci devono essere e devono pagare.