Paolo Giordana si occuperà di un progetto per l’allestimento di un baby parking. La Procura di Torino ha infatti accettato la “messa alla prova” per l’ex capo di gabinetto della sindaca Chiara Appendino, nell’ambito del procedimento sulla multa presa da un amico di Giordana, il quale aveva chiesto direttamente all’ex amministratore delegato di Gtt di far togliere.

Giordana ha chiesto di trascorrere il periodo di “messa alla prova” lavorando per l’Agenzia per lo Sviluppo locale di San Salvario. Si tratta di una Onlus che si occupa di assistenza e supporto alle famiglie italiane e straniere. Il compito principale per l’ex capo di Gabinetto di Appendino sarà appunto il progetto in cui ospitare i bambini. Anche Walter Ceresa, imputato insieme ad altri due funzionari della Gtt coinvolti nella vicenda, invece lavorerà in una struttura che si occupa di tossicodipendenti. In un onlus per assistenza a bambini con disabilità lavoreranno gli altri coinvolti nel processo, che verrà sospeso per la “messa alla prova”, che, se sarà positiva porterà alla sentenza di proscioglimento per i quattro imputati.