Crescono i dati riferiti alle transazioni in rete e, di pari passo, aumenta l’esigenza di sicurezza con riferimento ai pagamenti. Da qualche tempo si sono fatti strada i nuovi circuiti multimediali, quelli che utilizzano proprio il web quale terreno principale: i nomi sono ormai noti, ce ne sono diversi che rappresentano certezze anche dal punto di vista della sicurezza.

Analizziamo meglio i principali circuiti con riferimento proprio all’affidabilità dei metodi di pagamento, visto che clonazioni e furti dei dati delle carte di credito sono oggi ai primi posti tra le frodi informatiche.

I principali metodi di pagamento online

1.      Il top player dei pagamenti online è probabilmente Paypal che da anni ormai ha fatto breccia nel cuore degli utenti: il vero vantaggio di questo circuito è dato dal fatto di poter inviare e ricevere pagamenti senza dover necessariamente utilizzare i propri dati bancari. In sostanza un sistema che fa da filtro tra il conto dell’utente e chi riceve il pagamento finale garantendo quindi massima sicurezza. A caratterizzare questo strumento, un servizio clienti piuttosto efficiente che garantisce interventi rapidi in caso di disservizi (di seguito il numero verde Paypal).

2.      Alle spalle di quello che è considerato il re dei pagamenti online si fanno strada altri strumenti, quali ad esempio Amazon pay: un nuovo servizio garantito da Amazon che ha avuto molto successo negli Usa e che or si appresta a replicare anche in Europa. Amazon Pay può essere utilizzato dagli utenti che abbiano un account presso il più noto marketplace al mondo e garantisce sicurezza al pari di Paypal. Ovviamente si tratta di un servizio circoscritto ai soli acquisti su Amazon.

3.      Tra i sistemi per inviare e ricevere denaro vi è poi Skrill, che funziona tramite indirizzo mail anziché codice Iban alla stregua di Paypal: è possibile anche prelevare e depositare dal e sul proprio conto corrente.

4.      Tra i metodi di pagamento online ci sono poi anche carte di credito e prepagate: strumenti tradizionali ma che, ancora oggi, sono tra i più utilizzati da chi effettua acquisti in rete, magari supportati da home banking.

In sostanza per chi si rivolge al web le soluzioni sono molteplici: quello che conta è sempre cercare di mettere in atto comportamenti tali da evitare rischi di frodi e truffe varie, che in rete proliferano e sono purtroppo all’ordine del giorno. Al riguardo si possono seguire i consigli forniti dalla Polizia Postale per essere il meno possibile esposti a pericoli di tale genere.