Non c’è stata nessuna resa dei conti e neppure si sono mandati “a quel Paese”, con bestemmie di paoliana matrice al seguito, come invece era avvenuto lunedì scorso. Stavolta, a bocce ferme, durante la riunione di maggioranza si è ragionato senza prendersi per i capelli o altro.

Davanti ai consiglieri Cinque Stelle si sono presentati la sindaca Chiara Appendino e l’architetto Alberto Sasso che hanno relazionato i grillini su quanto detto a Roma durante l’incontro con il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti.

C’è tregua tra le parti e si aspetta l’incontro con il vicepremier Luigi Di Maio che avverrà molo probabilmente sabato visto che oggi non è potuto arrivare in città perchè impegnato a Roma. E i consiglier igrillini per voce della capogruppo Valentina Sganga annunciano che sono pronti a presentare un manifesto sui valori grillini.

«Pur restando dei dubbi sull’opportunità di avanzare una candidatura olimpica, il Gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle Torino ha avanzato valutazioni di merito sul contenuto del documento, evidenziando criticità e proposte ma soprattutto si è espresso sulla visione politica di sviluppo territoriale», ha spiegato Valentina Sganga lasciando intendere che per ora la rottura è evitata. Ma i consiglieri, e non solo quelli dissidenti visto che il gruppo dei contrari ai Giochi olimpici è cresciuto in questi ultimi giorni di tensione, vogliono comunque poter dire la loro. E così annunciano che le idee emerse dall’incontro di oggi «confluiranno quanto prima in un manifesto di indirizzo capace di racchiudere i valori propri della cultura politica del Movimento 5 Stelle, principi e proposte che riteniamo debbano essere necessariamente declinati nei contenuti di merito del pre dossier».