Ci sta provando in tutti i modi il neogovernatore della Regione Piemonte Alberto Cirio a fare in modo che almeno un pezzetto delle Olimpiadi assegnate a Milano e Cortina ricada sul territorio piemontese, mettendo a disposizione impianti e strutture.

Ma a quanto pare il duo vincente non sembra molto interessato. Già nei giorni scorsi, ancora prima dell’apertura di busta da parte del Cio, il sindaco di Milano Beppe Sala aveva scansato la proposta di Cirio con un educato «Grazie ma bisognava pensarci prima».

E oggi anche Luca Zaia, governatore della Regione Veneto, ha chiuso la porta in faccia a Cirio: «Io penso che il dossier per noi è chiuso così – ha notato Zaia -. Mi spiace veramente perché sono stato quello che ha lavorato fino alla fine per avere le tre città, poi non posso dimenticare che con Torino c’erano i finanziamenti e senza no. Però direi di girare pagina e fare in modo che tutti adesso si lavori per le Olimpiadi».