Non si dice per niente stupito Sergio Chiamparino della decisione presa dal Coni su una candidatura a due Milano-Cortina con l’esclusione di Torino.
«Purtroppo me lo aspettavo – afferma il Governato del Piemonte che fu sindaco ai tempi di Torino 2006 – Ero stato il primo a dire che sentivo puzza di bruciato dopo la decisione del sottosegretario Giorgetti di far saltare il tavolo a tre e, pochi minuti dopo, far emergere la candidatura a due».
Chiamparino si augura comunque che al di là di Torino il territorio Piemontese possa essere comunque coinvolto nella corsa ai Giochi:«Se c’è una possibilità di recuperare, senza Torino, un ruolo per le montagne olimpiche torinesi la Regione c’è».