Anche se sei negli -enta o negli -anta, hai più cose in comune con i Millennials di quanto pensi. Almeno quando si tratta di risparmio.

Con il 97% dei giovani di età compresa tra 18 e 34 anni che possiede uno smartphone, secondo Nielsen, i Millennials sono coscienti dell’importanza del denaro ed utilizzano regolarmente coupon digitali. Questi strumenti di risparmio vanno ben al di là della possibilità di spendere un po’ di euro in meno per i propri acquisti: fanno dello shopping un’esperienza facile, personalizzata, condivisibile e del tutto “millenaria”.

Secondo il PRRI (Public Religion Research Institute), il 48% dei Millennial statunitensi utilizza i coupon, una percentuale maggiore rispetto al 39% degli “X Generation” (i ragazzi degli anni ’90, ovvero coloro che sono nati tra la fine dei ’70 e l’inizio degli ’80).

L’esplosione di siti web di coupon digitali e app mobili sta trasformando il modo in cui i consumatori acquistano, in particolare i Millennial. Secondo uno di essi, PopSconto, il 64% dei Millennials cerca coupon direttamente con lo smartphone.

I siti e le app sono facilmente accessibili ai Millennials, che sono costantemente online. Tali siti raccolgono coupon digitali, permettono di risparmiare tempo, forniscono accesso ad un ampio database di coupon sempre e ovunque e consentono agli utenti di risparmiare immediatamente.

Da qualche tempo a questa parte, il trend si è spostato anche nella categoria “alimentari”: negli Stati Uniti (dove tutto inizia, a livello tech) con l’acquisto di Whole Foods da parte di Amazon, non bisogna stupirsi di vedere i Millennials fare shopping online, purché i prodotti siano ​​profondamente scontati.

La Valassis ha recentemente pubblicato il suo RedPlum Purse String Survey 2017, rilevando che i consumatori si aspettano sempre di più dai fornitori di generi alimentari, come la consegna a domicilio, la possibilità di fare shopping online e gli sconti utilizzabili sia online che offline.

Il sondaggio ha chiesto a 8.550 consumatori se avessero acquistato più generi alimentari online qualora avessero potuto utilizzare più coupon. Il cinquantasette percento ha risposto positivamente, percentuale che arriva fino al 73% quando si parla esclusivamente di Millennial.

Le prime cinque categorie in cui i Millennial cercano i coupon, sempre secondo Valassis, sono: generi alimentari (93%), cosmetici (69%), abbigliamento (62%), articoli per la casa (60%) e ristoranti (57%).

Altre informazioni interessanti indicano che il 94% dei Millennials ha utilizzato i coupon nel 2017, rispetto all’88% del 2016; ed inoltre il 61% dei giovani di questo millennio spende più di due ore alla settimana alla ricerca di buoni e di offerte per risparmiare.