Ho appreso con grande dolore che ieri la mia amica Daisy è stata oggetto di una vile aggressione.

Proprio ieri sono stato a San Salvario a portare la mia solidarietà a Marco, vittima di un’aggressione omofoba qualche settimana fa. Mi spiace vedere che il clima di odio sta aumentando e lo si percepisce proprio da questi atti concreti.

Vedere Daisy in questo stato mi mette un’enorme tristezza. Come ho ribadito alla Festa del Partito Democratico di Rivoli è di nuovo tempo di scendere in strada e riempire le piazze per combattere questo clima razziale e di odio. Stiamo rischiando di tornare molto indietro ma soprattutto è nostro dovere a tutti i livelli difendere le minoranze.

Per quanto mi riguarda, ho scritto a Daisy e sono al suo fianco. Ha fatto bene il sindaco di Moncalieri, Paolo Montagna, a chiedere alle forze dell’ordine di fare immediata chiarezza sull’accaduto. Con molti amici di Moncalieri mi lega un forte impegno politico. Moncalieri sta con Daisy!

Ora la risposta deve essere forte e chiara da parte di tutti. Non si arretra di un passo. Mi auguro di cuore che Daisy possa andare a Berlino e che si rimetta il più presto possibile. Una cosa è chiara: Marco e Daisy non devono essere lasciati soli.