Si apre un caso all’interno del gruppo consiliare del Partito Democratico. Poco prima del momento del voto della delibera per la candidatura di Torino ai giochi olimpici invernali del 2026 il vicepresidente del consiglio nonché consigliere Pd Enzo Lavolta si è alzato e ha lasciato l’aula, nonostante fosse prenotato per un intervento. Intervento in cui voleva esprimere la sua opinione differente da quella dei colleghi Dem, i quali hanno tentato di distoglierlo dall’intenzione di parlare.

E così mentre la delibera passava con 22 voti favorevoli e il gruppo Pd si asteneva Lavolta si stava già preparando per la commemorazione dell’ex sindaco Cardetti. Il tempo di dire ai giornalisti presenti in corridoio «avrei votato si».
Il capogruppo Stefano Lo Russo non ha voluto commentare quanto accaduto limitandosi a dire, ripetendolo due volte, «Il Pd si è astenuto».

«E’ evidente che il lavoro scomposto fin qui fatto da Appendino e da M5S  non dia garanzia di successo, ma oggi il Consiglio comunale di Torino avrebbe dovuto rappresentare il consenso più ampio possibile. Per non votare in dissenso dal mio gruppo che ha scelto di non esprimersi a favore della delibera,  ho preferito uscire dall’aula» ha poi spiegato Lavolta.