La Città di Torino non si costituirà parte civile nel processo sui fatti di piazza San Carlo. È stata infatti respinta una mozione presentata dai capigruppo delle forze politiche della minoranza di centrosinistra e della lista Torino in Comune che impegnava l’Amministrazione a tutelarsi in sede processuale contro gli imputati chiamati a rispondere sui gravi fatti di piazza San Carlo del 3 giugno del 2017, quando durante la proiezione della finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid furono ferite più di 1500 persone, tra queste anche Erika Pioletti che morì dopo due settimane di coma per le lesioni riportate.

Già prima dell’udienza preliminare dello scorso ottobre le minoranze avevano presentato la loro mozione per chiedere la costituzione a parte civile della Città. Già nel dibattito preliminare la capogruppo del Movimento 5 stelle Valentina Sganga aveva rifiutato l’ipotesi. E ora arriva il voto contrario di 21 consiglieri contro 8 favorevoli.