«Entro due anni le bici sui treni viaggeranno gratis. Grazie al rinnovo della flotta, che si concluderà appunto in un biennio, tutti i treni del servizio ferroviario regionale saranno accessibili alle biciclette e dotati di portabici. Inoltre, per quelle elettriche le postazioni dei nuovi convogli verranno dotate di prese per la ricarica».

È questa la risposta fornita dall’assessore regionale piemontese ai Trasporti Marco Gabusi all’interrogazione del consigliere del Partito Democratico Domenico Rossi circa la volontà della Giunta di prevedere un accordo con Trenitalia per il trasporto gratuito della bicicletta su tutti i convogli attrezzati del Piemonte.

Nel programma è prevista una sola limitazione in merito alla gratuità del servizio: nelle ore di punta verrà chiesta una tariffa, come in altri Paesi europei quali Gran Bretagna, Olanda e Francia, al fine di evitare sovraffollamento sui treni e ai tempi di salita e discesa.

Gabusi ha ricordato che per il momento le biciclette pieghevoli possono già essere caricate gratuitamente sui treni, mentre per quelle tradizionali vigono due tariffe a seconda del gestore (Trenitalia e Gtt) mentre non è prevista nessuna forma di abbonamento settimanale.

L’utilizzo intermodale treno-bici per gli spostamenti viene incoraggiato lavorando su tre ambiti di intervento: treni attrezzati, parcheggi di interscambio nelle stazioni, bike sharing.