Il candidato alla primarie del Partito Democratico Maurizio Martina esprime la sua solidarietà all’associazione “Il Pulmino verde” contro la quale Forza Nuova ha esposto degli striscioni nella notte a Torino.

«Quando sono stato a Torino il mese scorso con me c’era Fernanda Torre che ci ha raccontato la storia de ‘Il Pulmino Verde’, un’associazione di ragazze e ragazzi che si occupa di accoglienza in Italia e di cooperazione nelle zone di guerra. Sono generosi, coraggiosi e determinati. Questa mattina hanno trovato sulla porta del locale dove stasera faranno un evento di autofinanziamento questo orrendo striscione» ha detto l’ex ministro, aggiungendo: «A tutti i volontari del Pulmino verde va la mia solidarietà e il mio ringraziamento per il lavoro straordinario che fanno. Dobbiamo resistere e lottare contro l’odio e la retorica della paura che questo governo e alcune organizzazioni xenofobe continuano pericolosamente a fomentare nel nostro paese. Restiamo umani ed antifascisti, sempre».

Anche Mimmo Carretta, segretario metropolitano del Partito Democratico, ha condannato quanto avvenuto nella notte: «Accade a Torino, città Medaglia d’Oro per la Resistenza. Accade che una formazione partitica dichiaratamente a stampo fascista, attacchi una delle tante realtà associative del territorio prendendo in prestito gli slogan sdoganati dal ministro dell’interno. Questa volta è toccato a Il Pulmino Verde, un’associazione che si occupa di accoglienza e informazione, fondata e sostenuta dall’attività volontaria di quella bella gioventù che dobbiamo continuare a incoraggiare. Per queste ragioni ribadisco l’importanza di restare uniti avendo ben chiaro in mente chi sono i nostri avversari, per questo è sempre più importante esserci accanto a tutte le realtà che combattono la deriva fascista a cui questo governo ci sta conducendo».

Maurizio Martina sarà a Settimo Torinese venerdì 15 febbraio dove, assieme a Mauro Berrutto, presso la Suoneria Sala Combo di via Partigiani 4, presenterà il suo programma per la segreteria nazionale del Pd.