Sotto il Comune di Torino, mentre in Sala Rossa si svolgeva come ogni lunedì il consiglio comunale, il Partito Comunista e il Fronte della Gioventù Comunista hanno organizzato un presidio per manifestare la  loro «contrarietà al Governo PD 5 Stelle e per denunciare l’ipocrisia degli Europarlamentari PD che hanno approvato la risoluzione che equipara Nazismo e Comunismo».

I manifestanti hanno spiegato che «questo governo giallo-ravanello, rosso fuori e bianco dentro, ha come unico interesse quello di garantire la poltrone dei ministri, non c’è alcun cambiamento rispetto al Governo precedente a trazione leghista. Le lavoratrici e i lavoratori italiani, le loro famiglie, il ceto medio sempre più impoverito rimangono fuori dall’attualità politica. Casa, lavoro, diritti sociali: sono queste le parole d’ordine della manifestazione nazionale del Partito Comunista il 5 ottobre a Roma».