di Moreno D’Angelo

Pizzerie, bar, trattorie nell’animata San Salvario denunciano un calo delle clientela dopo che sui media si è parlato del ritorno dello spaccio di eroina in pieno giorno nel quartiere.

Non è stata certo penalizzata la movida, ma ad essere toccata è quella clientela familiare che, specie nei week end, va a mangiare la pizza nel quartiere dopo il cinema o la passeggiata al Valentino.

Da tempo in San Salvario si è registrato un ritorno dell’eroina grazie ai prezzi stracciati. Le fermate dei bus e gli angoli delle strade del quartiere sono presidiati dagli “sputa palline” e dalle sentinelle. Molti esercenti sono preoccupati per l’aggirarsi nel quartiere di molti tossici che spesso si “bucano” anche in pieno giorno seduti sui marciapiedi. «Da qualche giorno li vediamo entrare nei bar per chiedere carta stagnola o per cambiare le monetine. Sono molto giovani» dichiara una barista di via Nizza.

Insomma, anche dopo il blitz e i numerosi arresti tra i pusher, il quadro non sembra molto cambiato.

Gli esercenti allarmati stanno preparando una petizione per denunciare il quadro pesante in cui devono operare.